7 motivi per visitare le Langhe

7 motivi per visitare le Langhe

Le Langhe sono una zona di dolci colline della regione Piemonte del nord Italia. Le colline sono ricoperte di vigneti con borghi medievali e antichi castelli arroccati in cima alle loro vette.

Lo scenario è stupendo, ma ciò che attrae davvero i visitatori è l’eccezionale vino e cibo: rossi Barolo, tartufi bianchi, pasta fatta a mano e molte altre prelibatezze. Insieme al Monferrato e al Roero, le Langhe sono state dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2014 per i suoi paesaggi culturali e le tradizioni vitivinicole che risalgono a centinaia di anni fa.

Abbiamo trascorso una settimana in questo fantastico luogo nelle Langhe, con sede nel piccolo villaggio di Castiglione Falletto, e ci siamo innamorati di questa bellissima e spesso trascurata parte d’Italia che è anche ricca di eventi che puoi scoprire su langhe.net.

Ecco 7 motivi per visitare le Langhe.

Vino

Alcuni dei migliori vini rossi del mondo sono prodotti nelle Langhe. Il Barolo, il “Re dei Vini”, è il più conosciuto, ma si possono gustare anche ottimi Barbaresco, Barbera, Dolcetto, e non solo. Non siamo esperti di vino, ma ci siamo divertiti a degustare la nostra zona e non abbiamo mai avuto un bicchiere cattivo.

Ci sono molte opportunità di degustazione. È possibile visitare una delle tante cantine (la maggior parte a conduzione familiare), anche se di solito è necessario un appuntamento per degustazioni e visite guidate. La maggior parte dei villaggi ha una cantina comune dove puoi provare una vasta gamma di vini della zona.

Anche le enoteche sono una buona opzione: abbiamo adorato la nostra esperienza degustando quattro vini Barolo a La Vite Turchese, che includeva un discorso informativo del proprietario.

E, naturalmente, ad ogni pasto assaggerai il meraviglioso vino. Ogni ristorante in cui siamo andati aveva una lista di vini spessa come una Bibbia.

Ambiente tranquillo

Gli amanti del vino potrebbero aver sentito parlare del Barolo, ma le Langhe non sono nel radar di molte persone come luogo da visitare in Italia. Abbiamo sentito l’area descritta come la Toscana senza la folla e questa è una valutazione equa in quanto ha dolci colline, vigneti e borghi medievali simili senza la folla del Chianti. Le Langhe hanno anche escursioni nei vigneti e non abbiamo mai incontrato nessun altro nelle nostre passeggiate tra i villaggi del vino.

Sebbene il numero di turisti fosse basso nella maggior parte dei villaggi che abbiamo visitato, non aspettarti di avere il posto interamente per te. I visitatori sono in aumento e c’erano più stranieri in giro di quanto ci aspettassimo, per lo più tedeschi, svizzeri e, per qualche ragione, australiani.

Escursioni in vigna

La nostra caratteristica preferita delle Langhe sono i sentieri segnalati che attraversano i vigneti. Collegano i villaggi del vino in modo da poter fare una degustazione di vini senza dover tornare indietro. Stavamo a Castiglione Falletto, quindi abbiamo fatto un’ora (a tratta) di escursioni a Barolo e Serralunga. Sono disponibili percorsi più lunghi e alcune persone trascorrono persino alcuni giorni a passeggiare nella zona soggiornando in un villaggio diverso ogni notte.

I sentieri sono facili da seguire (basta cercare i segnalini rosso e bianco), quindi non hai nemmeno bisogno di una mappa.

Città di collina

Il borgo di Castiglione Falletto dove abbiamo soggiornato
Le Langhe sono costellate di borghi e borghi medievali, la maggior parte con il proprio castello, per quanto di piccole dimensioni.

Barolo è il paese più famoso, ma meritano una visita La Morra, Serralunga, Castiglione Falleto e Verduno. Alba è la città più grande della zona e un bel posto per passeggiare (potresti fare base qui se preferisci le città alla campagna).

Il villaggio più carino che abbiamo visitato è stato Neive nella regione del vino Barbaresco, che è stato selezionato come uno dei Borghi Piu Belli d’Italia (borghi più belli d’Italia).

Cibo delizioso

L’escursionismo e il mangiare erano le nostre due attività principali nelle Langhe. Il cibo qui è così buono! Non credo sia possibile trovare un cattivo pasto dato che ogni ristorante si preoccupa profondamente del cibo che serve.

Il movimento Slow Food è nato nella vicina Bra e sembra che i piemontesi lo prendano alla lettera dato che molti dei nostri pasti duravano tre ore. Ogni portata è assaporata dall’abbondante antipasto al caffè finale (con biscotti ovviamente).

Le specialità locali da provare includono nocciole (abbiamo passato molti alberi durante le nostre escursioni), cioccolato (da qui provengono Nutella e Ferrero Rocher!), tajarin (pasta all’uovo lunga e sottile), gnocchi al Castelmagno (gnocchi di patate con un formaggio locale piccante) , e gli agnolotti (un tipo di ravioli).

Il cibo nel nord Italia è più incentrato sulla carne rispetto al sud, ma abbiamo comunque trovato molte opzioni vegetariane. Leggi qui i nostri ristoranti di Barolo preferiti.

Tartufi

Il cibo più famoso delle Langhe è il tartufo, in particolare il tartufo bianco delicato e aromatico. Sono disponibili solo in ottobre/novembre, quindi non siamo riusciti a provarli, ma c’erano molti tartufi neri nel menu.

Se sei un vero appassionato di tartufo, puoi andare a caccia di tartufi nella foresta o visitare la fiera annuale del tartufo di Alba.

Museo del Vino Barolo

Il castello di Barolo ospita un innovativo museo del vino. Questo non è il tipico museo del vino e riceve recensioni contrastanti, ma ci è piaciuto molto. È bizzarro, interattivo e divertente. Diciamo di provare e andare con una mente aperta!

C’è una sala di degustazione alla fine della visita dove ti servirai per una vasta gamma di vini locali per € 2-4 a gusto. È un modo facile e non intimidatorio per degustare il vino, ma abbiamo avuto un’esperienza molto più istruttiva a La Vite Turchese (dove potremmo anche abbinare il cibo al vino).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.