Come fare il vino a casa

Questa ricetta si distingue perché è semplice.

Ci sono centinaia di ricette diverse per il vino fatto in casa su Internet.

Questa ricetta richiede solo tre ingredienti disponibili in quasi tutti i negozi di alimentari e il tuo vino sarà pronto da bere in una settimana o meno.

Il gusto migliora così come il contenuto di alcol aumenta, se lo lasci invecchiare più a lungo. Ma non è necessario.

Probabilmente non diventerai un magnate del vino come Igino Accordini, ma sono sicuro che anche tu, seguendo questi semplici passi, sarai in grado di toglierti parecchie soddisfazioni e gustare un vino di alta qualità fatto in casa.

Vino fatto in casa ingredienti

ingredienti vino fatto in casa
  • 1 tazza di zucchero semolato
  • 3 litri di qualsiasi succo ti piaccia
  • 1 bustina di lievito

Vino fatto in casa procedimento

procedimento vino fatto in casa
  1. Acquista il succo d’uva. Diversi tipi di succo produrranno probabilmente diversi tipi di vino poiché ogni tipo di frutta ha un contenuto di zucchero diverso.
  2. Consiglio di usare 3 litri di succo, ma puoi usare una bottiglia più piccola se lo desideri. Cerca “100% di frutta” sull’etichetta poiché il lievito è disturbato dai conservanti.
    L’acido ascorbico e l’acido citrico (vitamina C) vanno bene.
    Tutti i succhi d’uva sono concentrati con acqua, quindi non sarai mai in grado di ottenere il succo puro a meno che non spremerai l’uva da solo.
  3. Disponi il succo in modo che raggiunga la temperatura ambiente.
    Il succo dovrebbe essere a temperatura ambiente o leggermente superiore.
    Se il tuo succo è refrigerato, devi lasciarlo fuori finché non raggiunge la temperatura ambiente.
  4. Aggiungere un pacchetto di lievito di birra secco attivo.
    Non mescolare e non aggiungere altro lievito in seguito.
    Se dopo circa 3 giorni non ci sono più bollicine, aggiungi altro lievito.
    Se questo non avvia una nuova attività di gorgogliamento, è fatto e dovresti consentire al lievito in più di depositarsi sul sedimento inferiore. Termina trasferendo al tuo contenitore finale.
  5. Imbottiglialo.
    Riavvita il tappo sulla bottiglia e allenta di circa un giro in modo che l’aria possa fuoriuscire.
    La fermentazione produce anidride carbonica e deve essere in grado di sfogarsi fuori dalla bottiglia.
    Usare un palloncino, è stato sconsigliato d altri produttori di vino perché gli acidi e altre cose sgradevoli possono accumularsi nel palloncino e ricadere nella bottiglia.
  6. Tienilo d’occhio.
    Guarda il tuo progetto ogni giorno.
    Dopo 3 giorni, controlla se bolle ancora.
    Se si è fermato, puoi provarlo.
    Se continua a spumeggiare, continua a controllarlo ogni giorno finché non si formano più bollicine.
    Se davvero non riesci a vedere l’azione delle bolle, mettici l’orecchio e ascolta.

Come bere il vino fatto in casa

come bere il vino fatto in casa

Trova un contenitore di vetro.

Quando sei soddisfatto che il tuo vino è pronto da bere, trasferisci il vino dal tuo contenitore di fermentazione o bottiglia, a un altro contenitore pulito di plastica o vetro.

Le vecchie bottiglie di vino in vetro sterilizzate sono perfette.
Trasferisci il vino senza sconvolgere il sedimento.
Quando trasferisci il vino, usa un imbuto di plastica.

Una volta che hai rovesciato il vino, NON capovolgere la bottiglia ma continua a versare finché non hai finito.
Sul fondo sono rimasti dei sedimenti che contengono acidi e impurità.

Se continui a ribaltare la bottiglia, solleverai il sedimento e rovinerai il vino.
Sifonare con un tubo sarebbe perfetto.
Metti in frigo e goditi.

Dopo aver imbottigliato il vino, si consiglia di refrigerare, ma lasciarla fuori a temperatura ambiente va bene fintanto che la temperatura ambiente non è molto calda.

Tenere lontano dalla luce solare diretta.

Cosa ricordare con il vino fatto in casa

cosa ricordare del vino fatto in casa

Il succo produce etanolo, non metanolo: produrre vino fatto in casa, o alcol in generale, è semplice per il semplice fatto che il lievito converte lo zucchero in etanolo (alcol).

C’è un’idea sbagliata che bere birra, vino o alcolici fatti in casa non siano sicuri, ciò dipende dal fatto se bevi o meno il metanolo.
La preparazione con succhi di frutta e lievito non può produrre metanolo. Può solo produrre etanolo.

Questo processo può essere fatto in appena tre giorni: i miei tentativi di vinificazione richiedono solitamente circa 7 giorni, ma alcune persone che hanno provato questo metodo hanno riferito che la fermentazione (il lievito ha smesso completamente di fare bolle) si è fermata in circa 3 giorni.

Quindi questo metodo può effettivamente produrre vino con un contenuto alcolico moderato in circa 3 giorni.

Potrebbe essere necessario aggiungere dello zucchero: poiché questo metodo di fermentazione produce vino non molto dolce (perché il lievito ha convertito tutto lo zucchero nel succo in alcool).

Puoi ad aggiungere una tazza di zucchero di canna o sciroppo prima di aggiungere il lievito.
Questo potrebbe produrre un vino più dolce, se è quello che vuoi.

Potrebbe essere meglio versare il succo in una grande casseruola e riscaldarlo leggermente (non oltre 40 gradi C) in modo che lo zucchero si dissolva correttamente.

Quindi versalo nuovamente nella bottiglia usando un imbuto e lascia raffreddare a temperatura ambiente.

Un idrometro ti dirà il contenuto di alcol: non sono sicuro del contenuto di alcol di questa bevanda, ma potresti acquistare un idrometro per misurarlo.
Sono economici e prontamente disponibili online o in qualsiasi negozio di birra.

Procurati il ​​lievito per la vinificazione: se vivi in ​​una città che ha una fornitura di birra fatta in casa, ti consiglio di acquistare lievito prodotto solo per la vinificazione.

Il lievito di birra attivo dei negozi di alimentari funziona bene, ma il vero lievito di vinificazione è formulato meglio per il vino, non si esaurisce così velocemente e aggiungerà alcuni giorni al mio metodo “una settimana”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.