Cos'è la lattoferrina

Cos’è la lattoferrina?

La lattoferrina è un’importante proteina presente nel latte materno che aiuta a sostenere la salute dell’apparato digerente.

Alti livelli di lattoferrina si trovano infatti nel colostro, il primissimo latte materno che fornisce un importante supporto immunitario ai neonati durante le prime settimane di vita.

Si trova anche l’ Integratore con Lattoferrina per chi ha carenze di questa proteina.

Cosa fa la lattoferrina?

cosa fa la lattoferrina

Mentre la lattoferrina alimentare viene digerita e disponibile per agire in tutto il corpo, una parte della lattoferrina alimentare può agire nell’intestino per aiutare a ridurre l’incidenza di infezioni batteriche, possibilmente bloccando la crescita dei batteri privandoli del ferro che è un nutriente essenziale per la loro crescita.

Studi clinici hanno dimostrato la capacità di questa proteina di supportare la salute immunitaria di neonati e bambini piccoli.

Cos’è MFGM?

cos'è mfgm

La MFGM (Milk Fat Globule Membrane) si trova in ogni goccia di latte materno e aiuta a sostenere lo sviluppo cognitivo del bambino.

In particolare, MFGM è una membrana naturale che circonda le goccioline di grasso nel latte materno.

La ricerca ha dimostrato che la MFGM gioca un ruolo importante nella struttura e nella funzione del cervello.

Cosa fa MFGM?

cosa fa mfgm

Evidenze emergenti da un recente studio clinico hanno mostrato che la MFGM in formula supporta lo sviluppo cognitivo simile al latte materno.

Infatti, i bambini che sono stati alimentati con una formula che aveva MFGM da 2 mesi di età fino a 6 mesi hanno mostrato miglioramenti in una misura dello sviluppo cognitivo quando hanno sono stati testati a 12 mesi, rispetto ai bambini nutriti con un latte artificiale senza MFGM.

Conclusioni

lattoferrina contro i virus

La lattoferrina ha chiaramente benefici immunologici, oltre ad avere un importante ruolo antibatterico e antivirale.

Poiché è noto che interferisce con alcuni dei recettori utilizzati dai coronavirus, può contribuire utilmente alla prevenzione e al trattamento delle infezioni da coronavirus.

Il legame di LF a HSPG impedisce il primo contatto tra virus e cellule ospiti e quindi previene la successiva infezione.
Gli stessi HSPG non sono sufficienti per l’ingresso di SARS-CoV.

Tuttavia, nelle infezioni da SARS-CoV, gli HSPG svolgono un ruolo importante nel processo di ingresso cellulare.

I siti di ancoraggio forniti dagli HSPG consentono il contatto iniziale tra il virus e le cellule ospiti e la concentrazione di particelle virali sulla superficie cellulare.

Il SARS-CoV legato agli HSPG rotola quindi sulla membrana cellulare ed esegue la scansione di recettori di ingresso specifici, il che porta al successivo ingresso cellulare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *